DIstrazione

PRESIDIO CONTRO LE SEMINE OGM

Il 09 aprile il Tar del Lazio sarà chiamato a esprimersi sulla conformità del Decreto Interministeriale 187 del 10 agosto 2013 che ha “proibito” (si fa per dire) per 18 mesi, fino al dicembre 2014, la coltivazione sul territorio italiano del Mon810, con il rischio concreto di lasciare un pericoloso vuoto legislativo. Inoltre, quest’anno c’è il rischio che gli agricoltori che semineranno mais Mon 810 non saranno solo due, come nel 2013, ma potrebbero essere molti di più, come provato dalla volontà dichiarata di alcuni agricoltori in Veneto e in Lombardia di voler procedere con tali semine.
La battaglia sugli OGM potrebbe, pertanto, subire una svolta irreversibile modificando la situazione a favore degli “amici della Monsanto”.
La Regione FVG continua a mantenere una posizione ambigua: mentre l’assessore all’agricoltura Bolzonello fa la “voce grossa” con l’approvazione di una moratoria e appellandosi al neo-ministro dell’agricoltura Maurizio Martina “di attivarsi predisponendo molto velocemente tutte le misure necessarie a bloccare la semina di mais Mon810”, lo stesso vuole introdurre il regolamento sulla coesistenza, aprendo la strada alle colture OGM e facendo da “apripista” per le altre regioni italiane.
Occorre una mobilitazione ampia di tutta la società civile, delle associazioni ecologiste e di categoria, degli agricoltori bio e delle associazioni dei consumatori per chiedere interventi urgenti affinché si eviti una diffusione delle colture OGM, per bloccare il regolamento regionale sulla coesistenza e per sostenere una modifica della normativa europea che introduca la possibilità per gli Stati membri di vietare le coltivazioni OGM sul proprio territorio. La battaglia contro gli OGM é un’importante occasione per mettere in discussione un modello agricolo-industriale fallimentare, all’origine di grossi problemi ambientali. Il paradosso é che i fautori della cosiddetta “rivoluzione verde” oggi ci vogliono imporre le loro ricette per la soluzione di problemi che loro stessi hanno creato.
Domenica 6 aprile 2014 a Vivaro (PN)
PRESIDIO CONTRO LE SEMINE OGM
segue programma della manifestazione:
ORE 10.00 Presentazione di una tesi di laurea sull’inutilità dell’uso degli OGM e microfono aperto
ORE 11.30 Accerchiamento simbolico di due appezzamenti di terreno agricolo in cui nel 2013 è stato coltivato il MON 810
ORE 13.00 PRANZO CONVIVIALE, CON “POLENTATA” LIBERA DA OGM
ORE 14.30 concerto con PIOTRE, Punk di besol e St. John House Fired, Rock Blus
Per tutta la durata del presidio:
Mostra e scambio di semi antichi, con materiale informativo del gruppo coltivacondividendo di Feltre (BL), distribuzione bevande, gestito dal GAP (Gruppo di Acquisto Popolare) e attività ludico ricreative per bambini e famiglie per capire e approfondire aspetti agro-naturalistici
Coordinamento Tutela Biodiversità FVG
INFO: http://info-action.net/index.php?option=com_content&view=article&id=2375:vivaro-6-aprile-presidio-no-ogm&catid=114:ogm

DIstrazione

Progettazione in PERMACULTURA-72h

Con rilascio di un certificato riconosciuto a livello internazionale

permacolturascarica il volantino del corso

La Permacultura studia e progetta ecosistemi.

In particolare la progettazione in Permacultura riduce la perdita di energia di un sistema (azienda agricola, paese/città, orto, casa, scuola,…) imitando i sistemi naturali. Questo processo porta ad un aumento progressivo della permanenza del sistema locale.

Enemonzo, UD – Friuli Venezia Giulia

dal 8 al 20 giugno 2014

Vitto e alloggio

   Informazioni l’Associazione Lila, Tolmezzo (UD)

 telefono: 348/7444267 e-mail: associazionelila@gmail.com

www.associazionelila.altervista.org

DIstrazione

Dalla Farina al Pane, la rivoluzione delle piccole cose

Carissimi soci e sostenitori,
siamo lieti di invitarvi a partecipare all’incontro “Dalla Farina al Pane, la rivoluzione delle piccole cose”, giovedì 20 marzo alle 18.30 presso la Bottega del Mondo di Udine, via Treppo 10.

Guido Carrara del For Social di Tramonti di Sotto e un rappresentante del Comitato Frazionale per la Gestione dei Beni Civici di San Marco, Mereto di Tomba, ci racconteranno la loro esperienza che ha portato ad un primo e significativo esperimento di creazione di filiera corta sul territorio regionale!

La Comunità di San Marco, un piccolo paese nel Comune di Mereto di Tomba, si è riappropriato di appezzamenti agricoli ed ambientali che convenzioni medievali avevano sancito appartenente alla collettività, quindi non assoggettabili a proprietà demaniali o private.
Attraverso la lavorazione dei terreni, nelle sue diversi fasi, è stato creato un percorso di creazione di nuove occasioni di relazione, di formazione, di mutua collaborazione e partecipazione da parte dei residenti. Il lavoro comunitario sui 5 ettari di terreno (coltivati in rotazione a frumento ed erba medica), sono stati lavorati secondo i principi di tutela e sostenibilità ambientali e dei dettami dell’agricoltura biologica o affine. Da essi sono stati ricavati, nel 2013, circa 60 quintali di frumento, trasformati in farina dall’antico mulino in pietra Zoratto di Codroipo.

Il For Social non è semplicemente un’attività artigianale o commerciale ma bensì un complesso di interventi sul territorio tendenti a valorizzare la valle tramontina, l’inclusione lavorativa di disabili, la capillarità delle consegne in loco e la prospettiva di creare una cooperativa di comunità che si occupi della valorizzazione delle fonti di energia locali e delle potenzialità di questa zona depressa e sempre più abbandonata dai suoi stessi abitanti. L’obiettivo iniziale del forno è stato quindi l’avvio di una gestione di un panificio che potesse rifornire di pane, prima di tutto, la popolazione della Val Tramontina, in uno spazio organizzato dalla cooperativa Sottosopra ed in locali sfitti messi a disposizione del Comune di Tramonti di Sotto e che prevedesse l’inclusione lavorativa di persone disabili.

Al termine dell’incontro sarà possibile assaggiare il Pan di Jole, prodotto dal For Social, utilizzando la farina semi-integrale tipo2 “Farina di San Marc” proveniente dal Comitato Frazionale per la Gestione dei Beni Civici di San Marco.

Vi aspettiamo numerosi

DIstrazione

Secondo incontro del gruppo territoriale di Udine.

Si ricorda che oggi giovedì 13 marzo alle ore 20.00 ci troviamo per il secondo incontro del gruppo territoriale di Udine presso la sede di Legambiente Udine (via Leopardi 118/10).

DIstrazione

Si comunica che è stato attivato un Forum di discussione al seguente indirizzo

http://forumbenicomunifvg.altervista.org/

Lo spirito del forum non è quello di sostituirsi agli incontri e nemmeno al blog ma piuttosto quello di fornire un ambiente dove poter tenere traccia di quello che si è detto negli incontri generali e soprattutto in quelli locali nei vari distretti, dove si parla specificamente dell’attuazione dei singoli progetti.

Il Forum può essere utilizzato, ad esempio, per descrivere i contenuti di un incontro a chi non era presente e quindi essere strumento informativo e propulsivo di nuove discussioni.

A differenza del Blog, il Forum è organizzato per sezioni / sottosezioni in modo da rendere agevole la consultazione potendo l’utente “sfogliare” gli argomenti per interesse.

Naturalmente l’iniziativa avrà senso se incontrerà il favore delle persone per cui vi chiediamo di partecipare e diffondere la notizie a chi potrebbe essere interessato.

Per questioni di opportunità sarebbe importante che le persone che si registreranno al Forum utilizzassero Nome e Cognome.

Siete invitati a fornire idee sulla struttura del Forum (sezioni / sottosezioni) e ogni indicazione utile per migliorarlo.

Grazie per la collaborazione.

DIstrazione

Corso per “Animatori/trici di rete e Imprenditori/trici solidali come promotori di cambiamento”

si terrà a Milano il 21-22-23 MARZO e l’11-12-13 APRILE il corso per “Animatori/trici di rete e Imprenditori/trici solidali come promotori di cambiamento”, concordato per ultimo nella riunione di Parma del Tavolo RES di avvio del percorso verso l’Incontro Nazionale GAS-DES 2014, di cui abbiamo raccolto l’ispirazione e il titolo: “Per un colpo d’ali: dalla narrazione al progetto.

Trovate il programma in www.retecosol.org: nel I modulo i principali casi che verranno presentati e discussi sono: le cooperative Corto Circuito – Como, IRIS – Cremona, Mag2 – Milano, Canedo – Pavia con le relative reti di relazione.

Vi invitiamo a segnalare l’iniziativa all’interno della vs. realtà e di inviare al più presto eventuali iscrizioni (e anche casi di imprese, reti e filiere ecosol che ritenete sia importante coinvolgere, o citare solo con specifiche schede).

Saluti solidali

Davide Biolghini, Anna Fazi, Gilda Esposito e Virginia Meo

GdL formazione e facilitazione – Area Ricerca e Formazione Tavolo RES Italia

PS: Forum Cooperazione e Tecnologia supporta il corso con la segreteria organizzativa, il rimborso dei relatori ed altre eventuali ‘compensazioni’; ciò ha permesso di ridurre il costo di iscrizione a 50€ x modulo.

DIstrazione

la SOVRANITA’ ALIMENTARE : appello di collaborazione

L’associazione culturale di promozione sociale “Bravi ragazzi” di Gemona, nell’ambito dell’annuale festival internazionale di Arte Urbana “Elementi Sotterranei”, vi propone una collaborazione sul tema che intendiamo sviluppare:
la SOVRANITA’ ALIMENTARE

Il festival di quest’anno durerà un mese circa, e vedrà impegnate 4 squadre di artisti internazionali coordinati da Malakkai, artista spagnolo, nella realizzazione di un’opera collettiva su questo tema.
La festa finale è prevista per SABATO 7 GIUGNO.
Gli artisti lavoreranno durante i quattro finesettimana precedenti, occupando sostanzialmente tutto il mese di maggio.

Ci piacerebbe che tutte le realtà culturali del territorio già impegnate o interessate al tema potessero dire la loro, aiutandoci ad elevare il livello culturale della manifestazione e diffondere un dibattito sul tema della SOVRANITA’ ALIMENTARE(*), organizzando
autonomamente serate, eventi, incontri, cene etniche, dibattiti, proiezioni o quant’altro riteniate interessante, da inserire all’interno della manifestazione. Il periodo proposto è il  MESE DI MAGGIO. Sono ovviamente valide e benvenute anche iniziative già previste sul tema, da poter supportare.

Quest’anno abbiamo a disposizione un ufficio stampa che ci garantirà una ottima comunicazione regionale: questo significa da un lato che entro poche settimane dobbiamo avere un programma quanto più definitivo possibile, dall’altro che garantiamo il successo delle iniziative grazie a una comunicazione capillare.

Il 7 marzo sarebbe la scadenza che ci diamo per ottenere i migliori risultati possibili. I tempi sono molto stretti, è vero, ma siamo sicuri che se molti apportano poco il risultato si moltiplica e lavorando in rete gli sforzi vengono canalizzati in modo efficace ed efficiente.

Chiunque sia interessato può contattare il referente per l’ass. Bravi Ragazzi, Francesco Patat via mail elementisotterranei@gmail.com.

Un grazie in anticipo a quanti vorranno partecipare e/ o diffondere l’appello!

(*) “Definizione di Sovranità  alimentare dal Forum di Nyeleni 2007 (Mali): la Sovranità  alimentare è il diritto dei popoli a un cibo salubre, culturalmente appropriato, prodotto attraverso metodi sostenibili ed ecologici, in forza del loro diritto a definire i propri sistemi agricoli e alimentari.”